Attivata la consulta rom, obiettivo favorire l'integrazione valorizzandone la storia

Sullo stesso argomento
Ultimi articoli
Newsletter

Giulianova | il sindaco aveva preso l'impegno lo scorso 20 aprile

Attivata la consulta rom, obiettivo favorire
l'integrazione valorizzandone la storia

Con la sua istituzione, Giulianova sarebbe la prima città abruzzese
In arrivo l'evento culturale libri di maggio con due presentazioni
editoriali per il 18 e 25 maggio prossimi

di Laura Ripani

Francesco Mastromauro
Francesco Mastromauro

GIULIANOVA | Attiva la consulta Rom. Il primo cittadino Francesco Mastromauro attiva la consulta Rom con incontri per l’istituzione. Il sindaco si era preso l’impegno in occasione del simposio tenuto dei radicali al Kursaal lo scorso 20 aprile. I primi contatti creati per l’istituzione della consulta rom erano tesi a favorire l’integrazione valorizzandone la storia, la tradizione e la cultura del popolo romanì.

«Con la sua istituzione Giulianova, almeno da quel che mi risulta, sarebbe la prima città abruzzese, ed una delle poche in Italia, tra le quali Milano dove è nata nel giugno 2011, ad avere una Consulta Rom. Con questo organismo si cercherà di dare contenuti a reali politiche di convivenza in armonia con le direttive comunitarie coinvolgendo una pluralità di soggetti ed enti, tra i quali la Caritas diocesana con la quale l'amministrazione comunale ha collaborato nel 2012, e ancora quest'anno, con il progetto “Gli uomini si liberano insieme”. Non vanno sottaciuti, però, come vi siano stati e continuino ad esserci problemi sotto il profilo dell'ordine pubblico che non da ora hanno generato un forte allarme sociale. Ricordo in proposito che nel 1987 l'allora sindaco Franco Gerardini decise insieme con la Giunta di formalizzare l'attività del Gruppo Operativo Territoriale sulla devianza, già operante dal gennaio 1986, con particolare attenzione ai Rom posto che, come si sottolineò nella delibera istitutiva, “Giulianova, per caratteristiche intrinseche dovute alla plurigenerazionale presenza di gruppi nomadi, si caratterizza come Comune in cui la tensione sociale relativa ai minori presenta elementi di preoccupazione”. Proprio per superare quella tensione sociale, ventisei anni fa, con grande lungimiranza, si decise di coinvolgere l'Aizo, l'Associazione Italiana Zingari Oggi, nonché Nazzareno Guarnieri, attuale presidente della Fondazione Romanì Italia. Con la Consulta è nostro auspicio conseguire tre importanti obiettivi: integrazione mediante conoscenza e valorizzazione della cultura romanì, dialogo e, quindi, superamento delle conflittualità nel segno del rispetto delle leggi. Che, ovviamente, devono valere per tutti» ha dichiarato il sindaco Mastromauro.

Sala Buozzi
Sala Buozzi

LIBRI DI MAGGIO | Inoltre, il Comune di Giulianova comunica due presentazioni relative all’evento “Libri di maggio” che si terranno il 18 e 25 maggio alle 18 con Giuliana Sanvitale e Giancarlo Prosperi. L’occasione si è creata come prosecuzione del festival nazionale della letteratura che si è concluso il 5 maggio. L’amministrazione comunale ha voluto però, promuovere due ulteriori presentazioni editoriali.

«Questa iniziativa, che abbiamo voluto chiamare “Libri di maggio” vuole in qualche modo far echeggiare e recepire nella nostra realtà, culturalmente vivace, la campagna nazionale “Il maggio dei libri: leggere per crescere”, lanciata dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali, tesa a nutrire il valore sociale della lettura e dei libri» spiegano il sindaco Francesco Mastromauro e l'assessore alle politiche sociali Nausicaa Cameli. Nel primo appuntamento del 18 maggio verrà presentato il nuovo romanzo di Giuliana Sanvitale, “Oltre le nuvole”, mentre il 25 maggio sarà la volta del volume “L’affettività: risorsa umana nel processo educativo” del sociologo Giancarlo Prosperi. Ambedue le presentazioni verranno moderate da Sandro Galantini.

Giovedì 9 maggio 2013

© Riproduzione riservata

903 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: