Estorceva denaro ad un artigiano di Pineto fermato da un'operazione dei Carabinieri

Sullo stesso argomento
Ultimi articoli
Newsletter

Pineto | l'uomo di quarantadue anni È stato denunciato per dopo le continue vessazioni

Estorceva denaro ad un artigiano di Pineto
fermato da un'operazione dei Carabinieri

Con le minacce estorceva grandi somme di denaro. Si presentava a casa

di Laura Ripani

Estorsione
Estorsione

PINETO | Fermato per estorsione un uomo residente a Roseto degli Abruzzi. I militari della stazione dei Carabinieri di Pineto insieme a quelli del nucleo operativo di Giulianova, hanno arrestato un uomo di quarantadue anni residente a Roseto degli Abruzzi, già noto per fatti di giustizia .

Nei giorni precedenti, l’uomo in più occasioni ed anche telefonicamente contattava un artigiano di Pineto, al quale, dietro minaccia estorceva somme di denaro. Tale condotta violenta aveva gettato nello sconforto la vittima, che temeva gravi conseguenze per se e per i propri congiunti visto che il quarantaduenne in alcune occasioni, in maniera sfrontata, si era presentato a casa. L’artigiano, stufo delle continue vessazioni, conoscendo l’indole violenta dell’uomo, nella mattinata dello scorso venerdì si è presentato dai Carabinieri di Pineto dove ha riferito quanto stesse accadendo.Nello stesso pomeriggio i Carabinieri, in abiti civili, si sono appostati nel luogo prestabilito per la consegna del denaro richiesto e, dopo aver individuato con certezza l’estorsore, nel frattempo avvicinatosi alla vittima, lo hanno bloccavano, dichiarandolo in arresto per estorsione. Così l’uomo è stato trovato in possesso di un assegno intestato alla vittima, prova inconfutabile dell’avvenuta estorsione. Poi condotto in caserma per le formalità di rito è stato successivamente ristretto nel carcere di Castrogno.

Solitamente, la pena per reati di estorsione può essere scontata con una reclusione da cinque a dieci anni a seconda della gravità e con il pagamento di una multa. Qualora il danno sia stato arrecato da un’associazione mafiosa, la pena può anche giungere a vent’anni di reclusione. La vittima può anche richiedere il risarcimento dei danni costituendosi parte civile nel processo penale contro l’autore del reato. Inoltre, è stato costituito il fondo di solidarietà accessibile dagli operatori economici e in genere vittime di estorsione per beneficiare del rimborso relativo ai danni a beni mobili o immobili, mancato guadagno e lesioni personali.

Domenica 3 marzo 2013

© Riproduzione riservata

943 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: