Le acque del mare sono pulite, le analisi Arta confermano la balneabilità, ordinanza revocata

Ultimi articoli
Newsletter

Giulianova | «si è trattato di un fatto puramente episodico» dice il sindaco

Le acque del mare sono pulite, le analisi Arta
confermano la balneabilità, ordinanza revocata

L’acqua marina è pulita nei cento metri a sud della foce del Salinello
Credo sia necessario a questo punto dare vigore all'idea del cosiddetto
"contratto di fiume"

di Laura Ripani

Mare
Mare

GIULIANOVA | Il sindaco Francesco Mastromauro revoca l’ordinanza e le acque di balneazione sono pulite. «È la conferma di quanto avevo detto» ha commentato il primo cittadino. I risultati dei nuovi prelievi dell’Arta, l’agenzia regionale per la tutela dell’ambiante hanno confermato la balneabilità delle acque. Così tutti i cittadini e i turisti possono tornare a fare il bagno con tranquillità. Infatti, i parametri sono rientrati nella norma. «Si è trattato di un fatto episodico e come sia a questo punto necessario che gli organi competenti effettuino prelievi e analisi costanti sul fiume Salinello, che è un corpo recettore, al fine di verificare se vi siano sversamenti» ha spiegato il sindaco.

Il bagno al mare è sicuro. Lo conferma l’Arta dopo i risultati dei prelievi e il sindaco Francesco Mastromauro revoca l’ordinanza che vietata la balneazione. L’acqua marina è pulita nei cento metri a sud della foce del Salinello, per cui il dirigente Maria Angela Mastropietro ha firmato ieri 17 maggio, la revoca dell'ordinanza emessa. «Parametri perfettamente nella norma, in linea con la costante balneabilità delle acque dal 2010 e negli anni a seguire. Ciò a conferma di quanto avevo dichiarato ieri. Ribadisco quindi come si sia trattato di un fatto episodico, e come sia a questo punto necessario che gli organi competenti effettuino prelievi e analisi costanti sul fiume Salinello, che è un corpo recettore, al fine di verificare se vi siano sversamenti» ha commentato il primo cittadino.

«Credo sia necessario a questo punto dare vigore all'idea del cosiddetto "contratto di fiume" lanciato dall'assessore provinciale all'Ambiente Francesco Marconi. Si tratta in sostanza di uno strumento che consente di superare i problemi, sia amministrativi e sia di competenza tra gli Enti, evitando così tempi lunghi e procedure complesse, dando modo di avere una sorta di regia unica per pianificare gli interventi e dare seguito alla loro esecuzione» dichiara l'assessore aldemanio Archimede Forcellese.

Sabato 18 maggio 2013

© Riproduzione riservata

802 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: