Riunione del comitato provinciale di ordine e sicurezza, affrontate problematiche urgenti

Ultimi articoli
Newsletter

Sant'Omero | la viabilità e le strade della provincia sono in pietoso stato

Riunione del comitato provinciale di ordine e
sicurezza, affrontate problematiche urgenti

«Il patto di stabilità non ci permette di utilizzare i fondi»
il Prefetto ha raccolto l’appello sulla mancanza di fondi disponibili
per l'alluvione che sulla carta, ad oggi, ammontano
a ben 33 milioni di euro

di Laura Ripani

Alberto Pompizi
Alberto Pompizi

SANT’OMERO | Riunione del comitato provinciale ordine e sicurezza. Affrontate problematiche urgenti. Si è svolto nei giorni scorsi a Colonnella nelle sale del municipio l’incontro con le massime autorità della provincia quali il prefetto, il questore, il comandante dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Forestale e con l’assessore provinciale ai lavori pubblici Romandini. Inoltre, hanno partecipato tutti i sindaci della Val Vibrata che hanno evidenziato grande preoccupazione relativamente alle condizioni della viabilità provinciale. In particolare, sulle strade sono frequenti buche grandi come crateri ed erba alta che limita la visibilità della segnaletica posta ai bordi delle strade.

I sindaci hanno, inoltre, ricordato come, a distanza di due anni dall'alluvione del marzo 2011 e nonostante i numerosi proclami ed impegni del governo nazionale, regionale e provinciale, a tutt'oggi i Comuni ancora non hanno ricevuto fondi per il ripristino delle opere danneggiate o distrutte. Il patto di stabilità ha, inoltre, paralizzato ulteriormente i Comuni già fortemente danneggiati dall'alluvione impedendo persino la realizzazione di opere urgentissime quali: ponti, circonvallazioni, strade interrotte o transitabili solo a senso unico da ben due anni.

A fronte di tali problematiche il Prefetto ha raccolto l’appello sulla mancanza di fondi disponibili per l'alluvione che sulla carta, ad oggi, ammontano a ben 33 milioni di euro ma che, purtroppo, sono bloccati nei vari uffici statali, regionali e provinciali. Successivamente, il Questore ha illustrato gli sforzi compiuti dalle istituzioni sul territorio ed ho appreso con soddisfazione che anche a Sant'Omero sono diminuiti i reati (furti, truffe informatiche e reati per stupefacenti): dai 179 del 2011 ai 149 del 2012. Anche gli altri corpi (Guardia di Finanza, Guardia Forestale e Carabinieri) hanno illustrato le azioni positive che si compiono quotidianamente sul territorio con grande sacrifici e con poche risorse. I successi delle loro azioni appaiono giornalmente sugli organi di stampa. «A mio parere nei prossimi giorni sarà necessario intensificare la pressione istituzionale dei Sindaci verso gli enti preposti paralizzati dalla burocrazia più distruttiva e nociva per la nostra repubblica che rischia di "minare" per anni la credibilità delle istituzioni democratiche. Se il governo Letta non aiuterà i Comuni (specialmente i Comuni virtuosi) noi sindaci saremo costretti a scendere di nuovo in piazza per manifestare il disagio che affrontiamo giornalmente soprattutto ove si consideri che, pur avendo risorse a disposizione, il governo nazionale ci impedisce di utilizzarle per fornire servizi essenziali ai cittadini» ha concluso Alberto Pompizi sindaco di Sant’Omero.

Sabato 18 maggio 2013

© Riproduzione riservata

882 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: