Sciame di api invade la scuola Fornaci Cona chiusura per mettere in sicurezza l'edificio

Sullo stesso argomento
Ultimi articoli
Newsletter

Teramo | il sindaco ha emanato un'ordinanza per venerdì 17 e sabato 18

Sciame di api invade la scuola Fornaci Cona
chiusura per mettere in sicurezza l'edificio

Il veleno di una puntura d'ape può essere letale per l'uomo allergico
Chiaramente quando cè la presenza di uno sciame dapi, anche se
non si è allergici, se punti più volte, i pungiglioni potrebbero
causare la morte

di Laura Ripani

Sciame api
Sciame api

TERAMO | Sciame di api invade la scuola Fornaci Cona. Chiusa per consentire l’eliminazione e il ripristino della sicurezza per gli operatori e i ragazzi della scuola. Alcune segnalazioni pervenute all’ufficio ambiente del Comune hanno messo in allerta gli amministratori che hanno immediatamente disposto un sopralluogo per verificare la problematica. Infatti, è stato trovato un folto sciame di api proprio nella scuola primaria Fornaci Cona. Così dopo aver constatato il reale pericolo di un contatto diretto, il sindaco Maurizio Brucchi ha deciso di chiudere l’edificio per permettere di ripristinare la sicurezza. Gli alunni sono rimasti a casa sia venerdì 17 che oggi, sabato 18 maggio. «In ragione di ciò, il sindaco ha emanato un ordinanza con la quale dispone la chiusura della scuola primaria “Tancredi” (Fornaci Cona) e sottostante scuola materna sita in Via Barnabei, per i giorni Venerdì 17 e Sabato 18 maggio 2013 al fine di mettere in sicurezza l’istituto scolastico e sue pertinenze» si legge nella comunicazione del Comune di Teramo.

LE API E L’UOMO | Il veleno di una puntura di ape o di vespa provoca immediatamente gonfiore, dolore e rossore. Generalmente svaniscono nel giro di qualche ora. Il problema si pone per coloro che soffrono di allergie in quanto vanno incontro a reazioni più forti ed estese. La reazione allergica più pericolosa per la vita dell’uomo è l’anafilassi, cioè si presenta orticaria e gonfiore che possono andare a bloccare le vie aeree causando un collasso cardio circolatorio, fino ad arrivare alla morte. Secondo le ultime statistiche italiane, circa dieci persone ogni anno muoiono per uno shock anafilattico, in particolare sono quarantenni cardiopatici. Chiaramente quando c’è la presenza di uno sciame d’api, anche se non si è allergici, se punti più volte, i pungiglioni potrebbero causare la morte dell’uomo. La prima cosa da fare è ricorrere con urgenza ad una terapia medica, in modo tale da ridurre i sintomi. Infatti, il veleno contiene delle tossine e agenti infiammatori che causano il dolore e il gonfiore. È possibile applicare sulla parte un impacco freddo oppure una borsa del ghiaccio.

Sabato 18 maggio 2013

© Riproduzione riservata

1021 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: