«Chiediamo più strutture Albergabici» appello del coordinamento ciclabile Abruzzo Teramano

Ultimi articoli
Newsletter

Teramo | intervento sul progetto di legge regionale sull'albergo diffuso

«Chiediamo più strutture Albergabici» appello
del coordinamento ciclabile Abruzzo Teramano

Le strutture classificate Albergabici in Italia sono oltre 2 mila, di cui 51 in Abruzzo, distinte tra attività alberghiere ed extralberghiere, mentre quelle appartenenti alla rete Italy Bike Hotels sono in constante aumento

di Laura Ripani

Albergabici
Albergabici

TERAMO | Appello agli organi regionali sul progetto di legge regionale della Regione Abruzzo sull’albergo diffuso. «Chiediamo che vengano incentiva i cosiddetti bike hotels, cioè strutture ricettive predisposte per l’accoglienza dei turisti in bicicletta» hanno dichiarato in una nota gli esponenti del coordinamento ciclabili Abruzzo Teramano. Un intervento importante secondo il Cciciat dopo aver preso atto della notizia, riportata in questi giorni, sul progetto di legge regionale della Regione Abruzzo sull'albergo diffuso. Il coordinamento così lancia un appello agli organi regionali affinché, nella proposta di legge in questione, o con apposita norma autonoma, vengano incentivati anche i cosiddetti bike hotels, strutture ricettive predisposte per l'accoglienza dei turisti in bicicletta.

«In Italia esistono numerose strutture ricettive dedicate alle diverse tipologie di cicloturisti, un segmento del mercato in costante crescita anche nella nostra Regione. Le strutture classificate Albergabici in Italia sono oltre 2 mila, di cui 51 in Abruzzo, distinte tra attività alberghiere ed extralberghiere, mentre quelle appartenenti alla rete Italy Bike Hotels sono in constante aumento e, in particolar modo, in Abruzzo, si sta sviluppando, a cura di un consorzio locale di operatori, una rete di hotel dedicati ai turisti in bicicletta» hanno dichiarato i responsabili del ciclabile Abruzzo Teramano.

Il Coordinamento chiede, pertanto, che, come già fatto dalla vicina Regione Marche, si valorizzi, oltre al sistema degli alberghi diffusi, anche quello delle strutture ricettive per turisti in bicicletta, stanziando contributi economici per le strutture che vogliano adeguarsi per l'ottimale accoglimento di questa tipologia di turisti, siano essi sportivi, itineranti o semplici appassionati delle due ruote che vogliano affiancare alle vacanze tradizionali giri turistici in bicicletta alla scoperta del territorio. Questo anche alla luce della recente legge regionale 8/2013, entrata in vigore il 4 aprile scorso, che si propone di promuovere la mobilità ciclistica, sia per gli spostamenti quotidiani che per il turismo, e dei recenti finanziamenti regionali per il completamento delle ciclabili costiere abruzzesi.

«Si tratterebbe di una somma tutto sommato modesta che potrebbe, però, porre l'attenzione dei nostri operatori su un settore di mercato ancora misconosciuto ma dalle enormi potenzialità» hanno concluso i responsabili del coordinamento.

Lunedì 17 giugno 2013

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: