La città perde la facoltà di scienze del turismo ma sarà sede di importanti e numerosi master

Ultimi articoli
Newsletter

Giulianova | il sindaco mastromauro ha incontrato il rettore d'amico

La città perde la facoltà di scienze del turismo
ma sarà sede di importanti e numerosi master

Ma l’impegno del rettore è stato quello di garantire comunque la presenza dell’università a Giulianova

di Laura Ripani

Università di Teramo
Università di Teramo

GIULIANOVA | La facoltà di scienze del turismo torna a Teramo. Ma Giulianova sarà la sede di importanti master. Il primo cittadino Francesco Mastromauro incontra il rettore dell’università di Teramo Luciano D’Amico. Torna a Teramo dal primo luglio il corso di laura in scienze del turismo. Ma la città giuliese sarà la sede di master in varie discipline. Il sindaco, accompagnato dagli assessori alla pubblica istruzione Nausicaa Cameli e al turismo Archimede Forcellese, ha incontrato il rettore D’Amico e il preside della facoltà di scienze politiche Enrico Del Colle.

La riunione è stata decisiva per fare chiarezza sul futuro della sede giuliese dell’università di Teramo. Infatti, il magnifico rettore D’Amico ha riferito che la facoltà di scienze del turismo e dell’organizzazione delle manifestazioni sportive tornerà nella sede di Teramo a Coste Sant’Agostino a partire dal primo luglio. «Questa scelta si deve a una precisa strategia dell’università basata sul quadro normativo imposto dal Miur, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che richiede requisiti sempre più stringenti per la sussistenza dei corsi di studio, con forte penalizzazione nei confronti di quelle università che tengono aperte le sedi distaccate. Ma l’impegno del rettore è stato quello di garantire comunque la presenza dell’Università a Giulianova, rafforzandola qualitativamente come sede di Master in varie discipline, ad esempio nel settore del turismo, e di Corsi di alta formazione, come quelli già erogati, nel campo delle tecnologie digitali 3d, dal Centro per la realtà virtuale, nato nel 2011 da un’intuizione della nostra amministrazione e dell’attuale rettore, all’epoca Preside della facoltà di Scienze della comunicazione Quindi, se da un lato la città non perderà l'Università, dall'altro lato le finanze comunali verranno sensibilmente alleggerite dell'onere, circa 300 mila euro annui, relativo all'affitto dei locali di Palazzo Gualandi, adibito sinora a sede universitaria» ha dichiarato Mastromauro.

«Nelle prossime settimane affronteremo gli aspetti riguardanti la sede. L’idea, piaciuta al nuovo Rettore è quella di utilizzare per i Master la sala Buozzi, il Sottobelvedere e il Kursaal, che così verrebbero ulteriormente valorizzati. Più complessa è invece l’individuazione della sede per i corsi di Modellazione, Animazione 3D, Visual Effects e Architettura 3D, inseriti nell’offerta formativa dell’Università di Teramo. Per il loro svolgimento, infatti, ci sarà bisogno di aule attrezzate ed informatizzate con un numero adeguato di postazioni computerizzate, analogamente a quella realizzata due anni fa presso la sede del Gualandi. Da sottolineare che i corsi riconoscono fino a 36 crediti formativi universitari. Cosa unica in Italia» ha commentato l’assessore Forcellese.

«La perdita del corso di laurea in Scienze del turismo interrompe, è vero, la filiera virtuosa scuola-università-impresa nata nei primi anni del duemila. Ma in compenso, negli ultimi anni l’offerta formativa delle nostre scuole è stata potenziata in modo significativo» ha concluso l’assessore Cameli.

Mercoledì 29 maggio 2013

© Riproduzione riservata

1098 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: